Caccia al pellet, truffatori scatenati: "Incassano i soldi e poi spariscono". Come tutelarsi

Bron:
Christian Morasso
Gelezen:
101
  • text size

Sul web usano i riferimenti di ignare ditte realmente esistenti e attirano i clienti con prezzi fuori mercato Gli imprenditori: "Abbiamo sporto denuncia, ma i siti restano attivi"

Non bastava la crisi ed il rincaro delle bollette, ora gli italiani sono anche vittime di una nuova truffa che sfrutta la disperazione delle persone. I malviventi ingannano le vittime tramite dei semplici scambi di messaggi.

La truffa del pellet

I market dei social ed i siti di compravendita sono luoghi spesso poco controllati, qui possono annidarsi tantissimi malintenzionati in cerca della nuova vittima da derubare. In questo caso la truffa si svolge su Subito.it, una delle piattaforme di compravendita più famose e grandi d’Italia.

Lo schema seguito per lo svolgimento della truffa è classico ma sempre difficile da individuare al primo colpo. Inganni di questo genere vengono resi noti generalmente solo dopo aver derubato parecchie vittime e trovare i colpevoli è praticamente impossibile.

 

Purtroppo gli autori dell’annuncio falso hanno preso di mira persone che speravano di fare un affare tramite l’acquisto di un bancale di pellet, usato come combustibile per le stufe come alternativa ai sistemi di riscaldamento a gas. L’annuncio pubblicato su Subito.it da un certo “Giuseppe” riporta un’offerta imperdibile per tutti: un bancale di pellet a “soli” 850 euro.

Come funziona la truffa e come difendersi

Gli step purtroppo sono semplici ma sempre efficaci:

  1. Il truffatore ruba una foto verosimile della merce che vuole “vendere”
  2. Viene creato un profilo falso su uno o più siti di compravendita, gruppi social e market
  3.  Si scrive l’annuncio e si aspettano le vittime
  4. Una volta contattati si spinge la persona interessata a continuare la conversazione su un’altra piattaforma, o per telefono, in modo da non essere supervisionati
  5. Fornisce eventuali foto del prodotto, se richieste, poi procede con la comunicazione del metodo di pagamento (che in genere non può essere tracciato, ad esempio tramite PostePay)
  6. Una volta ricevuto il pagamento il truffatore procede con il blocco del compratore per essere irraggiungibile

Per evitare di essere vittime di truffe simili si possono seguire alcuni consigli di base, come ad esempio controllare le recensioni del venditore, preferire la consegna a mano o con contrassegno, provare a cercare le immagini del prodotto venduto su Google, per capire se è stata presa da un annuncio reale. Inoltre è molto importante rimanere sempre sul servizio di chat dell’e-commerce, così da poter segnalare l’annuncio nel caso in cui si percepisca qualcosa di sospetto.

www.fordaq.com è attiva da diversi anni nel combattere le truffe e ha istituito regole di iscrizione e strumenti online che gli hanno permesso di ottenere un tasso di fidelizzazione utenti del 97%.

Vediamo quali misure adotta Fordaq.com:

1) Filiali Fordaq in 15 Nazioni nel Mondo per controllare e assistere le aziende locali

2) Iscrizione solo dopo verifica telefonica dati + sito web + email, visita o confronto con istituzioni/associazioni/assicurazioni del credito

3) Definizione nel sito delle aziende controllate con icona Licenza d'uso + voto affidabilità + livello tasso di risposta

4) Black list aziende segnalate da iscritti Fordaq per truffe e/o mancato rispetto contratti , dopo verifica e controllo Fordaq del fatto denunciato

5) Dati aziendali Fordaq con contatti aziendali ed elenco iscritti sempre in evidenza con tutti i dati necessari

www.fordaq.com opera da 22 anni sul mercato ed è oggi il punto di riferimento internazionale per gli scambi import-export o domestici di legname e derivati + tecnologie applicate alla trasformazione.

Aantekening plaatsen